Privacy Policy


Dott. Fabio Perrone - consulenza - assistenza - paghe e contributi - scritti difensivi - rateazioni - contratti
Partita IVA 01804470688

42°18'40.59N 14°04'00.66E



NEWS del 11/02/15


Il Jobs Act spinge sui contratti di solidarietà espansivi

Favorire e potenziare il ricorso ai contratti di solidariet non solo difensivi (per scongiurare procedure di riduzione di personale) ma soprattutto espansivi (per favorire nuove assunzioni).

La novit arriva dal Jobs Act (Legge 10 dicembre 2014, n. 183) che delega il Governo ad adottare, entro 6 mesi, uno o pi decreti legislativi finalizzati al riordino della normativa in tema di ammortizzatori sociali con particolare riferimento alla revisione dellambito di applicazione e delle regole di funzionamento dei contratti di solidariet espansivi ex art. 2 del decreto-legge 30 ottobre 1984, n. 726, convertito, con modificazioni, dalla Legge 19 dicembre 1984, n. 863.

Lobiettivo di tale contratto, scarsamente utilizzato nel nostro ordinamento nonostante la sua trentennale esistenza, quello di incrementare l'occupazione aziendale (favorire nuove assunzioni) mediante una contestuale e programmata riduzione stabile dell'orario di lavoro e della retribuzione dei lavoratori gi in forza: lavorare meno, lavorare tutti.

Lattuale normativa prevede che per ogni lavoratore assunto sulla base dei predetti contratti collettivi aziendali di solidariet espansiva e per ogni mensilit di retribuzione ad esso corrisposta l'azienda ha diritto ad un contributo, poco appetibile, pari al 15% per i primi 12 mesi, al 10% per i successivi 12 mesi e al 5% per ulteriori 12 mesi. Deve essere inoltre stipulato un contratto collettivo aziendale con i sindacati aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale che preveda, al fine di incrementare l'organico aziendale, programmandone le modalit di attuazione, una riduzione stabile dell'orario di lavoro, con riduzione della retribuzione, e un contestuale piano di assunzione di nuovo personale.

Il Jobs Act considera quindi tale strumento potenzialmente utile a creare nuova occupazione e pertanto mira a ridisegnarne lambito di applicazione e le regole per favorirne un maggiore ricorso.




Per iscriverti alla newsletter clicca qui.