Privacy Policy


Dott. Fabio Perrone - consulenza - assistenza - paghe e contributi - scritti difensivi - rateazioni - contratti
Partita IVA 01804470688

42░18'40.59N 14░04'00.66E



NEWS del 27/06/08


Detassazione straordinario, supplementare e premi di risultato

L'art. 2 del decreto legge n. 93 del 27 maggio 2008 introduce, in via sperimentale, nel periodo compreso tra il 1░ luglio e il 31 dicembre 2008, la detassazione delle somme erogate a livello aziendale:
  • per prestazioni di lavoro straordinario, ai sensi del D.Lgs 8 aprile 2003, n. 66, effettuate nel periodo suddetto;
  • per prestazioni di lavoro supplementare ovvero prestazioni rese in funzione di clausole elestiche effettuate nel periodo suddetto e con esclusivo riferimento a contratti di lavoro a tempo parziale stipulati prima della data di entrata in vigore del presente provvedimento;
  • in relazione a incrementi di produttivitÓ, innovazione ed efficienza organizzativa e altri elementi di competitivitÓ e redditivitÓ legati all'andamento economico dell'impresa.

    Trattasi quindi di un provvedimento di carattere generale, salvo il caso dell'espressa rinuncia da parte del lavoratore, che nel periodo compreso tra il 01/07/08 e il 31/12/08 ha come effetto quello di sostituire l'Ire e le Addizionali sul reddito di lavoro dipendente con un'imposta sostitutiva del 10% entro il limite di importo di 3.000,00 euro lordi erogato per le causali di cui ai punti sopra indicati.

    E' bene precisare che:
  • il ricorso al lavoro straordinario, intendendosi per tale il lavoro prestato oltre l'orario normale di lavoro, dev'essere contenuto e le modalitÓ di esecuzione sono discplinate dai contratti collettivi e dall'art. 5 del D.Lgs n. 66/2003;
  • il ricorso al lavoro supplementare (relativo ai contratti part-time di tipo orizzontale) e al lavoro reso in funzione di clausole elastiche (relativo ai contratti part-time di tipo verticale e misto), che consitono nella prestazione lavorativa svolta oltre l'orario di lavoro concordato tra le parti ed entro il limite del tempo pieno, dev'essere previsto dalla contrattazione collettiva che ne individua le clausole giustificatrici e il numero massimo di ore effettuabili. Il consenso del lavoratore, per l'applicazione delle clausole elastiche, deve inoltre risultare da specifico patto scritto;
  • le somme corriposte a titolo di premio, devono comunque essere erogate in relazione a incrementi di produttivitÓ, innovazione ed efficienza organizzativa e altri elementi di competitivitÓ e redditivitÓ legati all'andamento economico dell'impresa.

    L'applicazione dell'imposta sostitutiva sulle somme sopra individuate comporta l'esclusione delle somme stesse, fino al limite di 3.000,00 euro, dal reddito complessivo del percettore ai fini fiscali e per l'ISEE. Per altro verso, le stesse somme rilevano ai fini del diritto e della misura delle prestazioni previdenziali e assistenziali che, quasi sempre, sono regolate dalle condizioni del solo reddito, individuale o del nucleo familiare.

    L'imposta sostitutiva Ŕ applicata dal sostituto d'imposta previa verifica dell'importo dei redditi di lavoro dipendente conseguiti dal lavoratore nell'anno 2007.


    Per iscriverti alla newsletter clicca qui.