Privacy Policy


Dott. Fabio Perrone - consulenza - assistenza - paghe e contributi - scritti difensivi - rateazioni - contratti
Partita IVA 01804470688

42°18'40.59N 14°04'00.66E



NEWS del 16/02/13


Contributi lavoratori domestici anno 2013

L'INPS, con la Circolare n. 25 del 08/02/2013, ha reso noto i contributi per lavoro domestico in vigore dal primo gennaio 2013 anche in considerazione delle novitΰ introdotte dalla Legge 28 giugno 2012 n. 92 sui rapporti di lavoro a tempo determinato.

Per i rapporti di lavoro domestico a TEMPO INDETERMINATO,

gli importi da pagare per ogni ora di lavoro, per rapporti di lavoro fino a 24 ore settimanali, sono:
  • per retribuzioni orarie effettive fino ad € 7,77: € 1,37 (di cui € 0,35 a carico del lavoratore);
  • per retribuzioni orarie oltre € 7,77 e fino ad € 9,47: € 1,55 € (€ 0,39 a carico del lavoratore);
  • per retribuzioni orarie oltre € 9,47: € 1,89 (€ 0,47 a carico del lavoratore).
  • In caso di rapporti di lavoro con orario superiore alle 24 ore settimanali (tutte effettuate presso lo stesso datore di lavoro) l'importo orario del contributo dovuto θ di € 1,00 (di cui € 0,25 a carico del lavoratore).

    Quando il lavoratore θ coniuge del datore di lavoro oppure θ parente o affine entro il terzo grado e convive con il datore di lavoro, gli importi da pagare per ogni ora di lavoro sono i seguenti:
  • per retribuzioni orarie effettive fino ad € 7,77: € 1,38 (di cui € 0,35 a carico del lavoratore);
  • per retribuzioni orarie oltre € 7,77 e fino ad € 9,47: € 1,56 € (€ 0,39 a carico del lavoratore);
  • per retribuzioni orarie oltre € 9,47: € 1,90 (€ 0,47 a carico del lavoratore).
  • In caso di rapporti di lavoro con orario superiore alle 24 ore settimanali (tutte effettuate presso lo stesso datore di lavoro) l'importo orario del contributo dovuto θ di € 1,00 (di cui € 0,25 a carico del lavoratore).

    In considerazione del contributo addizionale introdotto dalla Riforma Fornero (legge 92/2012), pari all'1,40% della retribuzione imponibile ai fini previdenzali (retribuzione convenzionale) per i rapporti di lavoro domestico a TEMPO DETERMINATO, con la sola esclusione dei contratti a termine per ragioni di carattere sostitutivo da comunicare, indentificandosi con il Pin, al Contact Center Multicanale al numero 803164 oppure al numero 06 164164 da telefono cellulare,

    gli importi da pagare per ogni ora di lavoro, per rapporti di lavoro fino a 24 ore settimanali, sono:
  • per retribuzioni orarie effettive fino ad € 7,77: € 1,47 (di cui € 0,35 a carico del lavoratore);
  • per retribuzioni orarie oltre € 7,77 e fino ad € 9,47: € 1,66 € (€ 0,39 a carico del lavoratore);
  • per retribuzioni orarie oltre € 9,47: € 2,02 (€ 0,47 a carico del lavoratore).
  • In caso di rapporti di lavoro con orario superiore alle 24 ore settimanali (tutte effettuate presso lo stesso datore di lavoro) l'importo orario del contributo dovuto θ di € 1,07 (di cui € 0,25 a carico del lavoratore).

    Quando il lavoratore θ coniuge del datore di lavoro oppure θ parente o affine entro il terzo grado e convive con il datore di lavoro, gli importi da pagare per ogni ora di lavoro sono i seguenti:
  • per retribuzioni orarie effettive fino ad € 7,77: € 1,48 (di cui € 0,35 a carico del lavoratore);
  • per retribuzioni orarie oltre € 7,77 e fino ad € 9,47: € 1,67 € (€ 0,39 a carico del lavoratore);
  • per retribuzioni orarie oltre € 9,47: € 2,03 (€ 0,47 a carico del lavoratore).
  • In caso di rapporti di lavoro con orario superiore alle 24 ore settimanali (tutte effettuate presso lo stesso datore di lavoro) l'importo orario del contributo dovuto θ di € 1,07 (di cui € 0,25 a carico del lavoratore).

    Nel caso di trasformazione del contratto da tempo determinato a tempo indeterminato, θ prevista la restituzione al datore di lavoro, previa domanda di restituzione in via telematica ex Circolare INPS n. 170 del 30 dicembre 2011, del contributo addizionale degli ultimi sei mesi.
    La restituzione puς avvenire anche nel caso in cui il datore di lavoro riassuma il lavoratore entro sei mesi dalla scadenza del contratto a termine, con una riduzione del rimborso corrispondente ai mesi che intercorrono tra la scadenza e l'assunzione a tempo indeterminato.


    Per iscriverti alla newsletter clicca qui.