Privacy Policy


Dott. Fabio Perrone - consulenza - assistenza - paghe e contributi - scritti difensivi - rateazioni - contratti
Partita IVA 01804470688

42°18'40.59N 14°04'00.66E



NEWS del 26/06/13


La certificazione come strumento di difesa preventiva

Listituto della certificazione dei contratti, originariamente introdotto dagli articoli da 75 a 84 del D.Lgs 276/2003, nasce con il dichiarato intento di ridurre il contenzioso in materia di qualificazione dei soli contratti di lavoro tassativamente elencati (contratto intermittente, ripartito, a tempo parziale, a progetto, di associazione in partecipazione) nonch, dinanzi talune specifiche commissioni di certificazione, dei rapporti di lavoro disciplinati con regolamento interno delle cooperative e dei contratti di appalto di servizi e di opere.

Successivamente, con il D.Lgs 251/2004 la finalit deflattiva del contenzioso viene estesa alla generalit dei contratti di lavoro per poi abbracciare tutta laltra met del cielo rappresentata dai contratti in cui sia dedotta, direttamente o indirettamente, una prestazione di lavoro, ex art. 75, comma 1, D.Lgs 276/2003, come modificato dalla L. 183/2010.

A seguito di tale modifica, la certificazione dei contratti si presta ad essere utilizzata per ciascuna tipologia contrattuale, tipica o atipica, nominata o innominata, in cui sia dedotta anche solo indirettamente una prestazione di lavoro.

Sebbene la Legge Biagi e il relativo decreto attuativo non si pronuncino espressamente sulla possibilit di certificare i tirocini, non manca autorevole dottrina (1) (2) che li ritiene certificabili in relazione alla prestazione svolta.

La certificazione un ottimo strumento di difesa preventiva che non blocca lispezione ma ne riduce il potere rispetto al passato.

Fino a quando permangono gli effetti della certificazione, gli organismi di vigilanza non possono adottare atti o provvedimenti amministrativi da cui derivino una diversa qualificazione del rapporto di lavoro e, per leffetto, la contestazione dei risultati dellattivit certificata svolta.
Il contratto certificato acquisisce, dunque, una sorta di certezza pubblica, da cui deriva, fino alla sentenza di merito, una presunzione giuridica di corrispondenza tra quanto forma oggetto di certificazione e quanto realmente avvenuto in costanza di rapporto di lavoro.
Cos lispettore ben potr esaminare un contratto certificato e, ove sia in possesso di prove idonee a contestare la natura e la qualificazione del rapporto di lavoro, proceder alla rituale verbalizzazione della irregolare manifestazione del rapporto di lavoro: tuttavia da tale verbale non potranno scaturire contestazioni o notifiche di illecito amministrativo, n recuperi previdenziali o assicurativi, n sanzioni fiscali o di altro tipo.
Unico esito della verbalizzazione e dellaccertamento retrostante sar leventuale attivazione, da parte del lavoratore interessato o dei terzi, dei rimedi giudiziari per annullare la certificazione e ottenere la corretta qualificazione, ad esempio in termini di subordinazione, del rapporto di lavoro esaminato. Ma tutto questo presuppone lesistenza di prove sufficienti a convincere il giudice adito.
Per tale ragione, soprattutto nelle regioni dove i servizi ispettivi sono particolarmente vivaci, la certificazione dei contratti uno strumento di difesa preventiva che pu mettere al riparo da disconoscimenti frettolosi non suffragati da prove idonee.

----------

(1) M. Tiraboschi Tirocini: la certificazione come soluzione rispetto alle troppe incertezze Bollettino ADAPT del 03/04/2013
(2) P. Rausei Incontro di studio del 17/05/2013 organizzato dallANCL di Chieti in collaborazione con lOrdine dei Consulenti del Lavoro di Chieti c/o la sala convegni della Carichieti di Chieti Scalo



Per iscriverti alla newsletter clicca qui.